Perché?

Imballaggio di plastica nel cibo (è necessario?)

Gli imballaggi per gli alimenti, per quanto a volte necessari, sono spesso usati in modo eccessivo. Un caso eclatante di eccessivo utilizzo di imballaggi per alimenti sono le confezioni monoporzione, la cui popolarità è aumentata molto in questi anni. Sono i cosiddettiformati risparmio, dove in una busta di grandi dimensioni sono contenute numerose porzioni più piccole.

Le confezioni monoporzione sono un altro grande problema; per piccole porzioni di cibo viene utilizzato un quantitativo di plastica sproporzionato e, soprattutto, innecessario.

In Europa gli imballaggi corrispondono al 59% di pattume di plastica e negli Stati Uniti quasi il 65%. Anche se grazie a loro gli alimenti rimangono intatti e incontaminati, è comunque presente il rischio che siano proprio loro a compromettere la qualità del prodotto; la plastica è il materiale più incline a rilasciare sostanze chimiche. La soluzione migliore per questo problema è sostituire il più possibile gli imballaggi di plastica con alternative più sostenibili, meno dannose e soprattutto biodegradabili:

  • biopolimeri (un’alternativa facilmente biodegradabile)
  • legno (es. casse per frutta e verdura)
  • vetro (es. bottiglie per bevande)
  • carta (es. bicchieri monouso)
  • tessuto (es. sacchi per verdure)

Affinché l’utilizzo degli imballaggi di plastica da parte delle grandi aziende diminuisca, è importante che ognuno di noi acquisti prodotti in confezioni sostenibili o smetta di utilizzare dalle aziende che fanno abuso nei confezionamenti di imballaggi di plastica.

Riviera

Troppi rifiuti in spiaggia, risolviamo il problema!

Lungo la Riviera Romagnola, ancora oggi, si trovano centinaia di rifiuti gettati per terra, sia dai cittadini, che dai turisti. Una cosa inconcepibile nel 2024 e in un’epoca piena di informazioni su come la plastica e la raccolta indifferenziata possano causare danni a noi e al nostro ecosistema.
E’ sufficiente trascorrere pochi minuti lungo la riva per rendersi conto dei molteplici mozziconi, involucri di cibo, scarti di plastica o bottiglie di vetro abbandonati dai giovani la sera prima.

Le persone tendono a gettare tutto quello che consumano sulla spiaggia, provocando inquinamento e rovinando l’ambiente. Ognuno getta qualcosa pensando di provocare un piccolo danno e le spiagge finiscono per essere colme di rifiuti e senza nessuno che effettivamente si impegna a rimuovere o a smettere di gettarli.
Bisognerebbe aumentare i bidoni sulle spiagge in modo che le persone gettino i loro rifiuti senza arrecare nessun danno, lo Stato dovrebbe essere più severo ed emanare leggi apposite per impedire a questi usurpatori di rovinare la bellezza della nostra riviera.

Le persone si devono responsabilizzare (o devono essere maggiormente responsabilizzate) iniziando a fare dei piccoli gesti per non rovinare l’ambiente; ad esempio portarsi da casa dei sacchetti in modo da poter gettare i rifiuti per poi buttarli nei bidoni appositi in spiaggia.
I bagnini devono controllare che le persone non gettano rifiuti per terra e impegnarsi per primi a tenere pulito il proprio bagnino.
Secondo noi, i bagnini, prima dell’inizio della stagione devono posizionare sia più bidoni lungo la passerella, sia dei piccoli bidoncini per ogni ombrellone in modo che le persone possano usufruirne al meglio. Questo potrebbe essere il primo passo per iniziare a risolvere il problema dei troppi rifiuti in spiaggia.

Buone Notizie

Il divieto della plastica in Inghilterra

L’1 gennaio 2023 è entrato in vigore il divieto dell’utilizzo della plastica su tutto il territorio del Regno Unito. La Segretaria dello Stato dell’Ambiente Thérèse Coffey ha confermato l’intenzione di voler eliminare gradualmente l’utilizzo della plastica monouso.

Cosa è stato vietato?

Secondo il Daily Mail il divieto riguarderebbe solo alcuni tipi di plastica come ad esempio i bastoncini per i palloncini, posate, i piatti, i bicchieri, ciotole e vassoi di plastica utilizzati nei bar, ristoranti o take away. Invece nei negozi si troveranno ancora gli imballaggi di plastica. Nel 2020 è stato vietato anche l’utilizzo dei cotton fioc e delle cannucce di plastica. Solo il 10% della plastica utilizzata dagli inglesi viene riciclato. Il divieto si applicherà anche alle vendite online. Secondo alcuni dati, in Inghilterra vengono usati circa 721 milioni di piatti monouso e 2,7 miliardi di posate di plastica, la maggior parte di questi prodotti non è biodegradabile e ci mette anni per decomporsi, e lasciano una grande impronta nel nostro pianeta e nella nostra salute.

Le conseguenze della plastica sul Pianeta

La plastica ci mette più di 100 anni a decomporsi, e può arrivare fino a 1000 anni. Una ricerca dell’Ospedale Fatebenefratelli di Roma e del Politecnico delle Marche ha trovato tracce di microplastiche nella placenta umana, ciò dimostra che la plastica non è nociva solo per il nostro ambiente ma anche per la nostra salute. La plastica è la causa dell’80% dell’inquinamento del mare.

Buone notizie

Il governo sta pensando a una soluzione anche per i filtri di tabacco, le buste di plastica e salviette umidificate. Il Galles e la Scozia hanno promosso anche loro dei divieti per l’uso della plastica. Continuando così saremo in grado di diminuire in modo molto notevole la plastica.

Si spera che il governo riesca a raggiungere i traguardi che si sono imposti, e che da esso prendano esempio anche altri Paesi.

Buone Notizie

Ocean Cleanup libera gli oceani dalla plastica

Ocean Cleanup è un’organizzazione no-profit fondata nel 2013, l’inventore olandese Boyan Slat ha fondato l’organizzazione all’età di 18 anni nella sua città natale di Delft, nei Paesi Bassi. Sviluppa e amplia tecnologie per liberare gli oceani dalla plastica. Per raggiungere questo obiettivo utilizzano alcune strategie: intercettano la plastica nei fiumi per ridurre l’afflusso di inquinamento e ripuliscono ciò che si è già accumulato nell’oceano e che non andrà via da solo. E’ un associazione senza scopo di lucro in cui fanno affidamento sulle donazioni di individui, aziende, governi e istituzioni. La sede centrale si trova a Rotterdam, il team è composto da 120 ingegneri, ricercatori, scienziati, modellatori computazionali e ruoli di supporto.

Pulire le zone di spazzatura dell’oceano

La sfida principale del ripulire le enormi distese di rifiuti oceanici è che l’inquinamento causato dalla plastica è altamente diluito e si estende su milioni di chilometri quadrati. La loro soluzione di pulizia è progettata per concentrare innanzitutto la plastica, consentendo loro di raccogliere e rimuovere efficacemente grandi quantità. Per pulire un’area di grandi dimensioni è necessaria una soluzione strategica ed efficiente dal punto di vista energetico. Mantenendo una giusta differenza di velocità tra il sistema di pulizia e la plastica, creano coste artificiali, dove non ce ne sono, per concentrare la plastica.

Com’è composto il sistema?

Il sistema è composto da una lunga barriera a forma di U che guida la plastica in una zona all’estremità. Le correnti circolanti nella zona dei rifiuti spostano la plastica, creando punti caldi naturali in continuo cambiamento con una maggiore concentrazione.

La loro filosofia culturale

Mettono la missione al loro primo posto, rinnovando in acque inesplorate sfidando a vicenda e affrontando i fallimenti come opportunità di apprendimento non programmate. Questo problema è troppo grande per risolverlo da solo quindi è importante collaborare attraverso un’esecuzione pragmatica, mirata e disciplinata.

Buone Notizie

Il nostro obiettivo finale è ripulire il 90% della plastica galleggiante negli oceani entro il 2040.

Re-Re-Re

Differenza tra Riuso, Riciclo e Riduzione

DEFINIZIONI: RE-RE-RE

Riuso: la possibilità di poter utilizzare i prodotti che non sono ancora diventati scarti o rifiuti.
Riciclo: recupero di materiale con fine di trasformarlo in un composto per essere, eventualmente, utilizzato
Riduzione: l’azione di ridurre per riportare una cosa a una determinata condizione
Queste tre parole hanno significati diversi, ma hanno uno scopo comune: RENDERE IL MONDO UN POSTO MIGLIORE.


Se noi ricicliamo potremmo da dei materiali crearne altri da poter riutilizzare, riducendo anche la produzione.
Ad esempio, se si riciclano bottiglie di plastica, queste potranno essere distrutte e lavorate in modo da crearne altre da poter riusare per ridurre la produzione di plastica e inquinare sempre di meno l’ambiente, come ad esempio il mare.

Le tre R:

  1. Vari esempi sul Riusare un oggetto
    esempio: Riutilizzare barattoli vuoti per poi creare vasetti dove mettere le piantine, sughi o marmellate; Riutilizzare un bancale per poi creare un poggiapiedi, un divanetto da giardino, una scatola per la legna, un piccolo scaffale.
  2. Vari esempi sul Ridurre un oggetto
    esempio: comprare meno oggetti di plastica come ad esempio deodoranti spray quindi usare deodoranti naturali “ALLUME DI ROCCA”; Ridurre l’utilizzo dell’energia utilizzando per esempio gli elettrodomestici in determinati orari; Ridurre l’utilizzo dell’acqua chiudendola quando ci laviamo le mani, ci facciamo la doccia e ci laviamo i denti.
  3. Vari esempi sul Riciclare un oggetto
    esempio: Riciclare facendo la raccolta differenziata quindi selezionando i vari oggetti nell’apposito cassonetto; Riciclare un vestito che non si usa più rivendendolo in siti appositi per farlo usare a persone più bisognose.
Noi

Archeoplastica: contro l’inquinamento marino

Cos’è Archeoplastica?

Uno dei modi rivoluzionari per responsabilizzare e sensibilizzare le persone verso il rispetto dell’ambiente è stato ideato da Enzo Suma con il suo progetto “Archeoplastica: il museo degli antichi rifiuti spiaggiati”. Quest’idea nasce dopo la pubblicazione di una foto di un barattolino di spray abbronzante che aprì una discussione tra i lettori sull’inquinamento della plastica. Enzo Suma cominciò così a pubblicare più foto dei suoi ritrovamenti per poi ufficializzare il sito nell’inverno del 2021.

In cosa consiste Archeoplastica?

Consiste nel ritrovamento di rifiuti lasciati nel passato che ritrovano vita lungo le spiagge di tutta Italia; oltre a questo, il progetto incentiva un utilizzo più regolare della plastica in modo da diminuire l’inquinamento. Grazie a questo, centinaia di rifiuti vengono raccolti e situati in un museo virtuale in cui è possibile osservarli.

Cosa si può trovare nel museo?

Gli elementi principali sono flaconi, bottiglie e palloni; tutti risalenti a 30, 40, 60 anni fa dai quali è possibile risalire alla versione originaria degli oggetti di quel tempo e trasformarli in opere d’arte.

Re-Re-Re

Ti serve davvero? Quello da sapere sul fast fashion

Iniziamo con il termine consumismo:
“Fenomeno economico-sociale, tipico dei paesi a reddito elevato ma presente anche nei paesi in via di sviluppo, consistente nell’aumento dei consumi per soddisfare i bisogni indotti dalla pressione della pubblicità e da fenomeni di imitazione sociale diffusi tra ampi strati della popolazione..”

Questo fenomeno è ciò che porta avanti le vendite e l’arricchimento di ogni industria multinazionale; sono sempre più le persone che sostituiscono prodotti nuovi e funzionanti con beni di ultimo modello solo per stare al passo con le mode.

Quali sono le cause maggiori di questo nuovo fenomeno?

In primo luogo si può parlare della necessità di sentirsi accettati dalla società in cui viviamo oggi, che non ci permette di soddisfare il nostro desiderio di affermarci. L’esasperazione dei consumi provoca veri e propri sprechi sociali ed ha, inoltre, delle sfaccettature negative sull’ambiente, primo fra tutti, l’inquinamento. Infatti lo spreco sistematico crea montagne di rifiuti non degradabili che inquinano l’ambiente e i prodotti usa e getta o la produzione di beni destinati ad avere un ciclo di vita breve di certo non garantiscono un utilizzo efficiente e funzionale delle risorse, è quindi inevitabile un aumento di emissioni inquinanti e del consumo esagerato di risorse.

Le vere vittime del consumismo non sono solo gli adulti ma soprattutto i bambini che ricevono messaggi da spot pubblicitari in televisione o dai social media attraverso gli smartphone, per quanto riguarda invece la fascia adolescenziale avviene molto frequente che i giovani siano influenzati del fast fashion, ovvero, una moda veloce. Questo tipo di produzione presenta diversi aspetti negativi: produce quantità eccessive di rifiuti e inquinamento, sfrutta i lavoratori e riduce la qualità del suolo, del cibo e dell’acqua del nostro Pianeta. Inoltre, i capi risentono fortemente del prezzo così basso, finendo per essere creati con tessuti scadenti.

Tuttavia, ciò viene fatto a scapito delle condizioni di lavoro dei dipendenti. Infatti, la maggior parte dei vestiti è progettata in Bangladesh o in Pakistan, là dove la manodopera è più economica. Le aziende di fast fashion, come Shein, offrono una vasta gamma di prodotti di tendenza a prezzo bassissimo e spingono i consumatori ad acquistare sempre di più.

Secondo il marchio, vengono lanciati 500 nuovi articoli di abbigliamento al giorno e la spiegazione data sul sito, evidenzia il testamento di un prodotto con una tiratura di soli 50-100 pezzi e, se si vede che la tendenza prende piede, la produzione inizia ad essere di massa.

Tuttavia dietro il prezzo conveniente si creano numerosi problemi riguardanti la produzione, la qualità dei prodotti, le condizioni di lavoro e l’impatto ambientale: infatti solo nel 2015, l’industria dell’abbigliamento, ha infatti creato 92 milioni di tonnellate di acque reflue (contaminate) portando all’inquinamento delle nostre fonti idriche e del suolo.

I danni causati dalla fast fashion sono davvero tanti, ma per fortuna sembra che in tutto il mondo qualcosa si stia muovendo e sempre più aziende stanno prestando attenzione all’impatto della fast fashion sul nostro pianeta.

Un esempio evidente è stato testimoniato anche da uno dei peggiori disastri nella storia del fast fashion: il crollo del Rana Plaza nell’aprile del 2013 che ha messo in luce le condizioni disumane del settore tessile operativo dietro a marchi come Pull and Bear, Zara o Benetton. Per invertire queste tendenze è importante adottare uno stile di vita che rispetti le tre R ovvero (RE-RE-RE) ridurre, riusare, riciclare.

Ecco alcune linee guida da seguire:
Acquista vintage (vinted, depop, armadio verde, micolet)
Comprare da brand italiani
Informati prima di acquistare!
Acquista in negozio
Riduci il tuo guardaroba (vendi quello che non usi più)
Evita tessuti sintetici

Perché?

L’agenda 2030 negli hotel

Il 25 settembre 2015, i rappresentanti dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite hanno creato un programma di azione per lo sviluppo sostenibile: Agenda 2030.
I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sono universali, innovativi, integrati e centrati sulle persone, come: porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo, assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età, rendere le città sicure, garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo, conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile.

Si può soggiornare in hotel ecosostenibili in Italia?

Rispetto per la natura, qualità della vita, integrazione con le comunità locali, alimentazione bio e a kilometro zero: tutto questo è alla base dell’idea che ha portato alla nascita degli hotel ecosostenibili, molto diffusi in Italia e Europa.
In fondo, perché l’attenzione per l’ambiente deve implicare un’idea di sforzo e negatività?
Il punto di forza degli hotel ecosostenibili è di rendere il rispetto dell’ambiente qualcosa di piacevole e stimolante per le persone.
Le caratteristiche di questi hotel ecosostenibili riguardano la struttura dell’eco-hotel come l’energia da fonti rinnovabili, raggiungibilità senza auto, pannelli solari, riduttori di flusso per il risparmio dell’acqua, riuso delle acque piovane oppure l’uso di detergenti ecologici, di lampadine a basso consumo.

Siete curiosi di sapere quali sono i 3 principali hotel ecosostenibili?

Il Biohotel Panorama di Malles è il primo hotel biologico in Italia; nel 1985 i proprietari ristrutturarono l’albergo secondo criteri di rispetto per l’ambiente all’avanguardia per quegli anni. Oggi possiamo trovare prodotti a km 0, menu gourmet, e la bio distilleria di famiglia.

L’Agriturismo Sant’ Egle di Sorano dove possiamo trovare : la biopiscina, cibo biologico, attività nella natura, percorso detox.
In questo agriturismo tutta l’energia usata, è prodotta da fonti rinnovabili, e le acque piovane sono riutilizzate.

Le Cave Bianche è un eco-design hotel nel cuore dell’isola di Favignana ,progettato pensando di utilizzare la pietra naturale presente grazie a tecnologie costruttive poco invasive e orientando tutte le scelte verso la sostenibilità: impiego dell’energia solare, illuminazione a led diffusa, un sistema anti calcare centralizzato, rubinetteria anti-spreco, riutilizzo e canalizzazione delle acque piovane.

Noi

Come Rimini è diventata smart city

Rimini è il più grande comune della Valmarecchia ed è situato sul Mar Adriatico nella regione dell’Emilia-Romagna. Grazie alla sua posizione, il comune offre vari tipi di paesaggi: dalle spiagge sabbiose dell’Adriatico e dalle pianure, fino alle dolci colline e ai primi monti dell’entroterra, dove regnano i fiumi del Marecchia e dell’Ausa.
Questa è una città che negli anni ha ospitato sempre più turisti da tutta Europa, richiamati dalle attrazioni turistiche adatte a persone di tutte le età: ciò ha contribuito a far sì che il comune di Rimini rinnovasse molti posti che da tempo erano stati lasciati a loro stessi.
Spazi come piste ciclabili, parchi, nuovi mezzi green da poter utilizzare per muoversi nella città e tanti altri provvedimenti presi dal comune, sempre seguendo le orme della sostenibilità, contribuisce così a far classificare Rimini come undicesima tra le città più green d’Italia con Legambiente.

Il parco del mare

 

Altro progetto che si concentra nella parte del lungomare di Rimini, prevede la creazione di un’area verde affiancata ad una vasta pista ciclabile completamente ristrutturata in maniera green.
La pista ciclabile si riempie di vita soprattutto in estate, ospitando mercatini dell’usato, feste e balli popolari, mentre la parte green è popolata da alberi e piante, e sono inoltre presenti piccole aree attrezzate alla ginnastica e allo svago dei bambini.

Oltre a ciò, anche nella spiaggia stessa sono stati aggiunti dei divieti che vogliono diminuire sempre di più l’inquinamento di ogni tipo nei nostri paesaggi: i più recenti provvedimenti riguardano il divieto di vendita di cibo e bevande in imballaggi di plastica, e il divieto di fumo sulla riva del mare.

Piano di salvaguardia della balneazione

 

Dal 2013 Rimini ha aderito ad un piano che consiste nel risanare il sistema idrico più grande d’Italia, con il quale vennero riportati adattamenti agli impianti fognari e depuratori e che mira in qualche anno a ridurre del 90% l’inquinamento delle acque del mare, così da eliminare i vari divieti di balneazione comuni a tutta la costa.
Questo grande progetto è riuscito, inoltre, ad entrare negli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 delle Nazioni Unite.

Nuovi trasporti sostenibili

 

Negli ultimi anni la nostra città si è impegnata nel fornire molti trasporti elettrici green, con il principale obiettivo di diminuire l’inquinamento nell’aria e nei nostri mari.
Ciò comprende centinaia di ebike e scooter elettrici, oltre ai mille monopattini: quest’ultimi sono molto utilizzati dai turisti.
Innovativa, però, è la stazione ferroviaria Metromare: questo mezzo di trasporto completamente elettrico della Start Romagna consente di andare da Rimini a Riccione in pochi minuti, consentendo di evitare tutto il traffico.


I biglietti sono gli stessi di un qualsiasi autobus e sono acquistabili in ogni tabaccheria; la Metromare passerà in ogni fermata ogni 5 minuti.
Per concludere, vicino alla stazione di Rimini è anche presente il Bike Park, pieno di tutti i servizi che un ciclista potrebbe cercare: dall’officina, al noleggio bici, un parcheggio privato, una ricarica per bici elettriche e persino un punto ristoro.
Grazie alla posizione favorevole, dalla stazione puoi raggiungere in bicicletta sia il centro che il mare!

Buone Notizie

Soluzioni alternative alla plastica

Al giorno d’oggi utilizziamo materiali plastici in qualsiasi ambito e occasione, tuttavia questo non è un bene per l’ambiente. Bisogna, quindi, cercare di provvedere in qualche modo.

Noi proponiamo delle soluzioni alternative da poter applicare in casa e nella vita di tutti i giorni: anziché utilizzare stoviglie di plastica, si può ricorrere a piatti in ceramica, posate in acciaio o a stoviglie compostabili, che in fase di smaltimento riducono di molto le emissioni di CO2, e non hanno nella loro composizione alcun derivato del petrolio.

Per risparmiare ma, soprattutto, per evitare di inquinare, possiamo scegliere di riempire delle borracce con l’acqua che sgorga dal rubinetto della cucina o utilizzare anche delle caraffe con il filtro, facilmente reperibili e dal costo contenuto, per diminuire la produzione e spreco delle bottigliette di plastica.

Un altro esempio sono i spazzolini in plastica che impiegano 1000 anni a decomporsi, e per questo possiamo scegliere di acquistare degli spazzolini in bambù, imballati in cartone riciclato. Stessa cosa vale per i pettini e i bastoncini in bambù, alternative valide e ecologiche.

Anche per la conservazione dei cibi esiste una buona pratica da seguire: invece di coprirli con la pellicola di plastica o di alluminio, possiamo usare barattoli in vetro, insalatiere oppure pellicole ecologiche. Tra queste consigliamo Beeopak, una pellicola alimentare ecologica a base di cera d’api biologica che conserva i cibi freschi a lungo e rende il tessuto lavabile, riutilizzabile così per più di 1 anno.

La maggior parte della nostra selezione di cosmetici è confezionata in plastica principalmente per ragioni di praticità, ma ci sono alcuni prodotti reperibili in contenitori di vetro, l’alternativa migliore. E per struccarsi? Esistono diversi dischetti lavabili in cotone biologico e molto più economici dei dischetti usa e getta.

Parliamo invece della decarbonizzazione in Italia. L’azione di decarbonizzazione mira a passare quanto prima dall’uso di combustibili fossili come carbone, gas naturale o petrolio a fonti di energia rinnovabili e prive di emissioni di carbonio.

In Italia poco più del 30% dei rifiuti plastici viene destinato al riciclo. Media ancora molto bassa, che la strategia europea sulla plastica proverà ad aumentare. Adottata nel gennaio del 2018, la strategia prevede che entro il 2030 tutti gli imballaggi in plastica immessi sul mercato europeo dovranno essere riutilizzabili o riciclabili in modo efficace, anche sotto il profilo dei costi.

Secondo Ecco, le bioplastiche rappresentano una soluzione per la decarbonizzazione di quelle applicazioni in cui non è possibile un’eliminazione dell’imballaggio monouso.

Specialmente in Italia la filiera della decarbonizzazione negli anni si è sviluppata molto rappresentando il 6% del mercato in termini di produzione, con un fatturato di 815 milioni di euro.