Riviera

Salva una specie : ecco l’idea dell’Acquario di Cattolica

 

Dato l’ impegno e la dedizione dimostrati nel progetto in collaborazione con Adria’s online Plastic free, le classi 4 e 5 A dell’ Istituto Tecnico per il Turismo “Marco Polo” sono state invitate a partecipare all’ inaugurazione estiva dell’ Acquario di Cattolica, uno tra i parchi Costa più amati della Riviera Romagnola

Evento

 

L’evento si è svolto durante la giornata del 6 aprile 2019. La mattinata si è divisa in più momenti scanditi da professionali ed approfonditi interventi di esperti.
Inizialmente i ragazzi sono stati calorosamente accolti ed è stato spiegato loro la struttura e la storia del parco tematico, diviso in 4 aree : ingresso blu (la vita sott’acqua) ingresso verde (rettili), ingresso giallo (lontre) e ingresso viola (creature degli abissi).

Una delle informazioni più particolari ed interessanti è la forma della struttura che richiama una flotta navale, questa risale agli anni trenta ed è stata concepita come colonia marina per ospitare i bambini durante il periodo estivo.

La prima tappa è stata la visita all’area blu, dove gli studenti hanno potuto assistere alla cibazione e ai giochi dei pinguini.
Gli alunni sono stati poi ospitati nella sala conferenze del parco dove un’esperta biologa marina ha spiegato quanto all’acquario stia a cuore la sostenibilità ambientale (non solo per il mare ma anche per l’intero ecosistema) e ha illustrato il tempo di decomposizione degli oggetti da noi più utilizzati.

Importante per l’acquario è la ricorrenza dell’8 giugno che oltre ad essere la giornata mondiale degli oceani, è anche il giorno in cui, nel 2017, nacque il progetto Plastifiniamola.

 

Plastifiniamola : salva una specie in pericolo

 

Grazie all’importante progetto, è stato introdotto nel percorso blu dell’acquario un sentiero che ricrea la purtroppo famosa “Pacific Trash Vortex“, l’isola di plastica che vaga nei vari oceani del nostro pianeta.
I visitatori passeranno in un corridoio nel cui soffitto è presene una rete piena di rifiuti: pannolini, bottiglie di plastica, reti di pescatori, cannucce sono solo alcuni dei vari rifiuti presenti.

 

 

Tutto ciò è stato realizzato al fine di sensibilizzare principalmente la nuova generazione e per cercare di garantire la salvezza dell’ambiente e di chi ci abita.
Dopo la spiegazione del progetto i ragazzi si sono recati sul luogo e hanno potuto percepire la gravità della situazione: la sensazione di costante e soffocante oppressione che sono costretti a subire ogni giorno gli abitanti dell’ecosistema marino.

Concluso questo momento gli studenti hanno potuto visitare liberamente anche le altri parti del parco, mettendo per un momento da parte il discorso dell’inquinamento per scoprire lo strabiliante ed affascinante mondo delle lontre, potendole osservare nei loro momenti di svago e nutrimento, e dei rettili riuscendo finalmente a vedere animali mai visti dal vivo prima.

 

Questa giornata è stata un’importante opportunità per scoprire nuove iniziative ; sempre di più sono le aziende che cercano di lavorare in modo sostenibile e di diffondere questa sensibilità ai loro clienti.

 

Vuoi fare anche tu la differenza? Unisciti a noi!

Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo.
(Mahatma Gandhi)

Riviera

Ecoturismo: scegli la tua vacanza Green!

Le vacanze di Pasqua si stanno avvicinando, non hai ancora deciso dove trascorrerle e i suggerimenti di amici e parenti non sono riusciti a convincerti?

 

Scopri con noi un nuovo modo di viaggiare:località eco friendly e alberghi a basso impatto ambientale che ti permetteranno di vivere un’esperienza diversa.

ECCO LA NUOVA TENDENZA: ECOTURISMO

Turismo sostenibile, responsabile, ecoturismo… sono tutti termini che cercano di descrivere il rapporto esistente tra turismo e sostenibilità. Vivere una vacanza sostenibile è una sensazione in grado di riconciliare mente e spirito, che fa vivere intense emozione e avvicina l’uomo con la natura, oltre che con i suoi simili.

COM’E’ NATO?

Questo approccio al turismo è nato alla fine degli anni ’80 ed è caratterizzato da una duplice preoccupazione per i luoghi visitati e per il benessere delle popolazioni che vi abitano.Il principio di turismo sostenibile è stato, infatti, definito nel 1988 dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT): “Le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un’area turistica per un tempo illimitato, non alterano l’ambiente (naturale, sociale ed artistico) e non ostacolano o inibiscono lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche”.

Segui i nostri consigli:

     6 punti da seguire per una vacanza green
  1. preferire strutture sostenibili: Alberghi,b&b e ristoranti che operino nel pieno rispetto dell’ambiente,valorizzando il territorio ed evitando sprechi di risorse ed energie. Per aiutarvi nella ricerca , vi consigliamo di visitare il sitoecobnb.it. Potrete scegliere la sistemazione più adeguata alle vostre esigenze.
  2. Scegliere modalità di trasporto sostenibile : treni, pullman e mezzi pubblici in generale,biciclette carsharing,sono ovviamente da prediligere. Senza dimenticare che la visita più autentica è quella con le proprie gambe.
  3. Valorizzare i prodotti tipici, a km zero e biologici che ti permetteranno di promuovere l’economia e di apprezzare l’autentica gastronomia locale per ridurre il trasporto di prodotti su strada.
  4. Rispettare la popolazione locale nel massimo rispetto di usi, costumi e stili di vita.
  5. Rimanere aggiornati: utilizzare internet,app e ciò che ne consegue per scoprire nuovi itinerari nella natura e soggiornare nel modo più green possibile.
  6. Evitare inutili sprechi, partendo da semplici accorgimenti come preferire l’utilizzo di una borraccia portata da casa al posto di comprare bottigliette di plastica usa-getta

La green vision della Riviera Romagnola

 

Per gli amanti dello sport, della salute e del benessere la Riviera Romagnola rappresenta la meta ideale.Potrete trascorrere le vostre giornate passeggiando in riva al mare o scoprendo i diversi percorsi enogastronomici nell’entroterra romagnolo tutto nel completo rispetto dell’ambiente!

Quale modo migliore se non la bicicletta? Sempre più Hotel della Riviera le mettono a disposizione gratuitamente dei clienti, ma non solo.. Anche il comune di Rimini si sta mobilitando: dal 2018 si possono trovare lungo le strade biciclette che chiunque può utilizzare pagando e attivando l’uso con una semplice App (oBike).

Prima di partire per le tue vacanze ricordati di portare in valigia il buon senso e tieni a mente i nostri consigli!